GIOCO DELLA PALMA

GIOCO DELLA PALMA


Sì, La Palma, conosciuto anche come Gioco dei Cani e degli Sciacalli, Gioco dei Cinquantotto Buchi o Gioco dei Trenta Buchi, è un gioco da tavolo che affonda le sue radici nell’Antico Egitto.

Le sue origini:

  • La versione più antica risale al 1800 a.C. e fu rinvenuta da Lord Carnarvon durante gli scavi a Tebe tra il 1907 e il 1912.
  • La tavoletta di gioco era presente nella tomba di Amenemhet IV, faraone della XII dinastia.
  • Altri reperti archeologici, come la tavoletta di Mehen e la tavoletta di Senet, confermano la popolarità del gioco nel corso della storia egizia.

Caratteristiche del gioco:

  • La scacchiera è una scatola di legno rettangolare a forma di mobile, appoggiata su zampe di animali.
  • La parte superiore presenta una decorazione con una palma e un percorso di 58 fori, disposti su due file simmetriche.
  • I giocatori usano pedine a forma di cani o sciacalli, da cui deriva uno dei nomi alternativi del gioco.
  • Le regole originali non sono sopravvissute, ma diverse ipotesi sono state formulate basandosi sui ritrovamenti archeologici.
  • Il gioco sembra combinare elementi di strategia con il lancio di bastoncini a due facce per determinare il movimento delle pedine.

Significato e valore culturale:

  • La Palma offre uno spaccato interessante sulla vita quotidiana nell’Antico Egitto.
  • Il gioco era apprezzato da persone di diverse classi sociali, come testimoniato dai reperti rinvenuti in tombe e abitazioni.
  • La sua diffusione suggerisce l’importanza del divertimento e del gioco nella cultura egizia.
  • La Palma rappresenta un esempio tangibile della cultura ludica del passato, fornendo spunti di riflessione sugli antenati e le loro abitudini.

Eredità e rinascita:

  • Il gioco è stato oggetto di ricostruzioni e riproposizioni in tempi moderni.
  • Esistono diverse versioni del Gioco della Palma, alcune fedeli alle regole originali e altre con varianti moderne.
  • Il gioco rappresenta un modo per rivivere un’antica tradizione e approfondire la conoscenza della cultura egizia.

Per approfondire:

/ 5
Grazie per aver votato!