LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

  1. LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

1.1. introduzione

Nella seconda metà del secolo XVIII si verificò in Inghilterra una serie di profondi mutamenti del sistema produttivo che, cambiando il volto dell’economia e dell’intera società, e diffondendosi poi, nel secolo successivo, in altri paesi europei ed anche oltreoceano, diede il via al processo irreversibile di industrializzazione e alla nascita, quindi, di una nuova civiltà.

Tale processo storico, universalmente indicato con il termine[1] di Rivoluzione Industriale, e che è di natura economica, sociale, demografica, e più generalmente culturale, fu all’inizio sostenuto da una profonda innovazione tecnologica, incentrata sulla sostituzione dell’abilità manuale con una estesa meccanizzazione, dell’energia umana e animale con quella termica, e sulla disponibilità di nuove materie prime, ottenute grazie al progresso nei metodi di estrazione e di lavorazione, specialmente (ma non solo) nelle industrie metallurgica e chimica.

[1]Il termine fu usato da Engels nel 1844 e consacrato nell’uso dallo storico A.Toynbee.

Continua a Leggere

/ 5
Grazie per aver votato!